Uncategorized

La mia apple pie, la torta di Nonna Papera.

Mettiamo un pomeriggio d’ Autunno, una busta di carta piena di renette, l’essere cresciuta a pane e Topolino ed otteniamo, ovviamente, la torta di Nonna Papera. Chi non l’ha mai sognata?
Chi non ha mai sperato, da bambino, di trovarla sul davanzale di una finestra, a freddare, per rubarla?
Per farla ho pensato di usare la pasta brisèe, leggermente salata – la ricetta che uso l’ho imparata durante il corso di dolci francesi che ho seguito da Mediterraneum Lab – ; mentre per il ripieno ho fatto un mix and match di tutte le ricette che avevo ereditato nell’epoca in cui internet era solo un’ipotesi. Prendendo un po’ da un foglietto, un po’ da un altro, è uscito fuori, contro tutte le aspettative, un ottimo risultato.
Il procedimento è molto semplice e volendo, abbinandola con della panna montata o del gelato alla vaniglia, è una torta perfetta a fine pasto. Provare per credere!
Ingredienti per la pasta brisèe:
250 gr. farina 00
125 gr. di burro freddo a pezzetti
1 presa di sale
2 tuorli
3-4 cucchiai di acqua
Ingredienti per il ripieno:
6 mele
40 gr. burro
60 gr. zucchero semolato
50 gr. zucchero di canna
1 cucchiaino e mezzo cannella
noce moscata
50 gr. circa pangrattato
mezzo bicchiere di passito di pantelleria
1 limone
1 albume
Procedimento:
Mettete la farina ed il burro in una bastardella ed impastateli, fino ad ottenere delle grosse briciole. Fate una fontana e, nel centro, aggiungete il sale, le uova e l’acqua un poco alla volta, fino ad ottenere un impasto omogeneo. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e mettetela in frigo per minimo trenta minuti.
Tagliate le mele a dadini e mettetele in una pentola, sul fuoco basso, con il burro, la cannella, le zeste del limone, lo zucchero e la noce moscata. Sfumate con il passito; aggiungete il pangrattato, lasciate andare per un paio di minuti. Se il composto dovesse risultare troppo liquido, aggiungete qualche cucchiaio di pangrattato.
Stendete la pasta fra due fogli di carta forno, formando due dischi, uno più grande ed un più piccolo, entrambi intorno ai 27 cm. di diametro.
Per non far scivolare il foglio mentre stendete la pasta, bagnate quello che metterete a contatto con il piano con un po’ di acqua.
Ponete il disco più grande come base della vostra torta, sul fondo di una tortiera di circa 24 cm. di diametro, alta circa 4 cm. Tagliate, con una rotella per la pizza od un coltello con la lama liscia, le eccedenze. Riempite con il composto di mele e coprite con l’altro disco. Con le dita fateli aderire l’uno all’altro. Se avete della pasta in eccedenza potete usarla per decorare la torta, in ogni caso, fate dei tagli, sempre con la rotella o con il coltello, sul dorso.
Spennellate la sommità della torta con l’albume. Mettete nel forno preriscaldato a 220 gradi per 25 minuti.
Servite tiepida, accompagnandola con la panna o con il gelato.

Annunci
Standard

One thought on “La mia apple pie, la torta di Nonna Papera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...